Blog: http://redline3.ilcannocchiale.it

una lettera

 

Non so se continuerò a scrivere sul blog, una serie di motivi mi portano a non farlo.
Mi è tornata alla mente una bella pagina che avevo letto tempo fa sul libro di A. Baricco
"Oceano Mare"
 Eccola

Caro Andrè, mio amato amore di mille anni fa,….....

Ho ricevuto le tue lettere e non è stato facile leggerle. Si riaprono con dolore le ferite del ricordo.Se io avessi continuato,qui,a desiderarti e ad aspettarti, quelle lettere sarebbero state abbagliante felicità. Ma questo è un posto strano.La realtà sfuma e tutto diventa memoria.Perfino tu,a poco a poco, hai cessato di essere desiderio e sei diventato un ricordo. Mi sono arrivate le tue lettere come messaggi sopravvissuti a un mondo che non esiste più.
Io ti ho amato, Andrè, e non saprei immaginare come si possa amare di più.
Avevo una vita, che mi rendeva felice, e ho lasciato che andasse in pezzi pur di stare con te. Non ti ho amato per noia, o per solitudine, o per capriccio.
Ti ho amato perché il desiderio di te era più forte di qualsiasi felicità.
E lo sapevo che poi la vita non è abbastanza grande per tenere insieme
tutto quello che riesce ad immaginarsi il desiderio.
Ma non ho cercato di fermarmi, né di fermarti. Sapevo che lo avrebbe fatto lei.
E lo ha fatto. E' scoppiata tutto d'un colpo.
C’erano cocci ovunque,e tagliavano come lame


 

Pubblicato il 11/9/2007 alle 17.27 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web